CRIOTERAPIA

Cryosucces completo di faligetta di trasporto ed 1 cartuccia da 25 gr.

Caratteristiche:
Cryosuccess Il maneggevole dispositivo di criochirurgia che utilizza il protossido di azoto N2O per il trattamento di tutti i tipi di lesioni cutanee abitualmente trattate con azoto liquido.
La criochirurgia è utilizzata in dermatologia da diversi decenni per il trattamento molteplici lesioni cutanee. Nel tempo sono stati utilizzati, e ancora lo sono, diversi metodi. In generale la differenza è data dalla temperatura minima decisiva per il successo del trattamento. Una temperatura minima troppo bassa può causare un danno irreversibile alla cute, mentre una temperatura minima troppo elevata può far fallire la validità del trattamento.
Ci sono inoltre altri fattori rilevanti, come la durata del trattamento, il tipo di lesioni cutanee e la loro profondità.
Il vantaggio della criochirurgia è evidente soprattutto nella sua semplice applicazione, nel breve tempo di trattamento, per il basso livello di dolore, per il danno cutaneo adeguato , per i rari esiti cicatriziali e il costo moderato del trattamento.
L’attività di CRYOSUCCESS si basa sul protossido di azoto , contenuto sotto pressione in apposite cartucce con valvola di sicurezza . Al venir meno della pressione il gas in stato liquido sulla cute evapora inducendo un congelamento che rappresenta l’energia utilizzata per il trattamento.

Applicazioni
E’ possibile trattare con la criochirurgia quasi tutti i tipi di lesioni della pelle, quali verruche, pigmentazione da invecchiamento, emangiolinfangiomi, fibromi, condilomi ed altre patologie.

Controindicazioni:
Questa tecnica non va utilizzata in presenza di arteriopatie obliteranti, ipersensibilità al freddo, malattia di Raynaud.

Caratteristiche tecniche:
Sistema di raffreddamento: open system (“Liquidfreezing”)
Temperatura minima -89° C

Dispositivo criogenico in metallo (ottone e acciao inossidabile),placcato oro, valvola di dosaggio a leva, filtro di sicurezza nel portacartuccia, guarnizioni in caucciu-acrilonitril-butadiene.

Punte in metallo, placcate oro, terminale in vetro borosilicato.

Cartuccia in metallo con filettatura e valvola, contenente 25 g di protossido di azoto, la pressione del contenuto della cartuccia è di 50 bar.