**Free webinars elmex e meridol – In omaggio 2 corsi FAD: 10+15 crediti ECM**

**Free webinars elmex e meridol – In omaggio 2 corsi FAD: 10+15 crediti ECM**.

È necessario partecipare ad entrambi gli eventi per ricevere i 25 crediti totali.

Si registri subito ai seguenti link:

  • 27 Settembre ore 21:00 con la Prof.ssa Orsini
  • 11 Ottobre ore 21:00 con il Prof. Piattelli: REGISTRATI QUI

Colgate Professional Team

 

Fotodinamica con Alagel nelle malattie dermatologiche rare

È stata sperimentata con successo la terapia fotodinamica su pazienti affetti dalla malattia di Hailey-Hailey, una malattia dermatologica rara. La sperimentazione ha visto l’intervento di Carola Pulvirenti, vicepresidente dell’Associazione Nazionale Pemfigo e Pemfigoide Italy, e della Dottoressa Alessandra Scarabello, responsabile dell’ambulatorio di dermatologia dell’istituto Nazionale Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma.
Si tratta di un approccio terapeutico innovativo e non invasivo, che ha portato al miglioramento e, in alcuni casi, addirittura alla totale remissione delle vescicole e delle lesioni tipiche della patologia.
Per i pazienti dell’Istituto “Spallanzani” sottoposti a questa terapia i risultati sono stati tangibili: “Ho iniziato a settembre 2020, con un po’ di scetticismo, lo ammetto. Con la mia malattia della pelle, cronica e rara, sono andata avanti per anni facendo tamponi e antibiotici di ogni genere”, racconta Serena. “Quando la Dottoressa Scarabello e le infermiere dello Spallanzani mi hanno dato la speranza che sarei potuta guarire per me è stato un sogno. Così ho voluto credere ai miei “angeli” (perché è così che li chiamo) ed è stata la scelta migliore di tutta la mia vita”; “Già dopo cinque sedute le lesioni erano migliorate”, rivela Paolo; “Oggi, a distanza di cinque mesi, le piaghe sono scomparse e sto veramente bene; nonostante il caldo umido, mi godo la vita come una persona normale”, afferma Roberto. Come emerge dalle testimonianze dei pazienti con malattia di Hailey-Hailey, i benefici della terapia fotodinamica hanno superato le aspettative.

Vai all’articolo originale

Malattie dermatologiche rare: i benefici terapeutici della luce

La terapia fotodinamica e i suoi vantaggi nel trattamento delle malattie dermatologiche rare, in un’intervista a Carola Pulvirenti, coautrice di un nuovo libro sul tema.

“La terapia fotodinamica si basa sul potere della luce, ben noto in dermatologia – spiega Carola Pulvirenti. “Necessita, però, dell’utilizzo di un gel che riesce ad attivare il potere della luce solo nelle cellule difettose, ovvero quelle a veloce replicazione. Questa terapia viene usata per numerose patologie, ma solo in pochi casi è stata adoperata per le malattie rare. Il libro presenta appunto una rassegna della letteratura sugli studi che hanno applicato la terapia fotodinamica nelle malattie rare”.

Leggi l’articolo completo qui.

UPMC Academy in Italy – webinar ECM di Dermatologia

Mercoledì 5 maggio 2021, ore 17:30 alle 20:30 – UPMC presenta live webinar ECM di Dermatologia, gratuito e valido per il rilascio di 4,5 crediti ECM “Terapia fotodinamica (PDT) in Dermatologia: un’opportunità terapeutica naturale dall’estetica ai tumori della cute”
Responsabile Scientifico dell’evento, il Prof. Marcello Monti, Dermatologo e Infettivologo Professore Emerito di Dermatologia presso l’Università degli Studi Milano e Consulente Dermatologo presso UPMC Salvator Mundi International Hospital (Roma) e UPMC Institute for Health (Chianciano Terme). Interverrà la Prof.ssa Stefania Motta, Biologo e Ricercatore senior di Dermatologia presso l’Università degli Studi di Milano e Presidente della Società Italiana di Chimica e Scienze Cosmetologiche. Modererà il Prof. Giovanni Vizzini COO e Direttore Medico-Scientifico di UPMC Italy.

La Terapia Fotodinamica (PDT) in Dermatologia è entrata di recente a far parte dei protocolli terapeutici di importanti malattie, da quelle degenerative, come gli Epiteliomi Basocellulari Superficiali, le Cheratosi Attiniche Multiple Evolutive, a quelle infiammatorie, come l’acne giovanile/tardiva o il Lichen Planus, e a quelle che non hanno ancora una cura specifica come la Morfea, la Porocheratosi, la Necrobiosi Lipoidica, i Granulomi Anulari ecc. La PDT ha anche valenza nel campo della medicina estetica, dove è in grado di far regredire gran parte dei danni provocati dal sole, che causano il photoaging. Nonostante le favorevoli prestazioni curative in molti campi della dermatologia e dell’estetica e la sicurezza nei trattamenti, la PDT è ancora poco praticata e offerta solo in pochi centri qualificati. Per questo motivo, l’obbiettivo primario dell’evento è quello di far conoscere agli operatori sanitari più nel dettaglio il principio fisico della reazione endocellulare fotodinamica con Acido Aminolevulinico (ALA), come fotosensibilizzante cutaneo, e le applicazioni pratiche in molte e diverse patologie dermatologiche. Inoltre, il webinar si propone di presentare la PDT come una valida, sicura e poco costosa alternativa a meno economiche e impegnative terapie mediche e chirurgiche fino ad ora impiegate.

Il webinar ECM di Dermatologia è rivolto a medici chirurghi (tutte le specializzazioni), farmacisti, infermieri, odontoiatri e igienisti dentali.

L’evento è gratuito per tutti i partecipanti e sarà trasmesso in live streaming in lingua italiana su piattaforma ZOOM.

Provider ECM: Zadig

Vai all’articolo originale

La Terapia Fotodinamica nelle malattie dermatologiche rare

Una nuova pubblicazione scientifica che conferma l’attualità della terapia fotodinamica in dermatologia, anche nel trattamento delle malattie dermatologiche rare.

Un particolare ringraziamento alla Professoressa Alessandra Scarabello -IRCCS “Lazzaro Spallanzani- Roma” per aver utilizzato sia i fotosensibilizzanti che gli strumenti per PDT di produzione Alpha Strumenti srl.

Covid-19 News – Test sierologici e storia anamnestica in: pazienti che sono stati sintomatici o paucisintomatici; pazienti che sono sempre stati asintomatici. Suggerimenti per un corretto approccio clinico.

 

LEGGI L’ARTICOLO DALLA FONTE

Una sfida terapeutica di tipo biologico per le ulcere croniche: risultati di uno studio clinico pilota

Alessandra SCARABELLO 1 *, Mauro BERTA 2, Mara LOTTI 3, Pier L. SARACENI 3
1Dermatologic Unit, L. Spallanzani National Institute for Infectious Diseases, IRCCS, Rome, Italy; 2Private practitioner, Rome, Italy; 3San Gallicano Dermatological Institute, IRCCS, Rome, Italy
*Corresponding author: Alessandra Scarabello, Dermatologic Unit, L. Spallanzani National Institute for Infectious Diseases, IRCCS, Via Portuense 292, 00149 Rome, Italy. E-mail: alessandra.scarabello@inmi.it

OBIETTIVO: L’obiettivo di questo studio pilota è quello di valutare l’efficacia terapeutica, sia in termini di attività antimicrobica che di attività promovente la riparazione cutanea delle ferite, della terapia fotodinamica nelle ulcere cutanee di varia eziologia, che hanno mostrato difficoltà alla guarigione, con insuccesso da oltre 1 anno delle terapie convenzionali utilizzate.

METODI: Sono stati arruolati dieci pazienti, 3 maschi e 7 femmine, con età media di 72,5 anni, range 56-86 anni, che presentavano ulcere croniche con infezioni batteriche sovrapposte, talora multiple, al momento dell’arruolamento. La superficie delle ulcere è stata trattata con acido 5-aminolevulinico in gel, in occlusione per 45-60 minuti, e quindi esposta alla luce rossa di 630 nm per 10 minuti. Il trattamento è stato ripetuto settimanalmente per un periodo variabile da 4 a 16 settimane, a seconda della risposta terapeutica e della velocità di guarigione.

RISULTATI: Tutti i pazienti hanno raggiunto la risoluzione delle ulcere, con ottima tollerabilità del trattamento e facilità alla medicazione domiciliare quotidiana negli intervalli fra le sedute.

CONCLUSIONI: In conclusione la terapia fotodinamica rappresenta una valida alternativa terapeutica per la risoluzione delle ulcere difficili di varia eziologia e permette di evitare l’utilizzo di antibiotici, risultando efficace anche per quei casi di ulcere infette da germi multiresistenti.

 

Scarica l’articolo completo

Misurare la presenza di ozono nell’ambiente.

L’uso dell’ozono per sanitizzare gli ambienti medici è sempre più diffuso. Tuttavia siamo consapevoli del fatto che si tratta di un gas con un certo livello di tossicità. Inoltre occorre avere la certezza che il gas immesso nell’ambiente abbia raggiunto il volume sufficiente per ottenere la massima efficacia. A questo scopo Alpha Strumenti suggerisce uno specifico misuratore di ozono nell’aria: 03Sense.